Il sedano è tra i cibi antinfiammatori più potenti, perché affama i batteri nocivi, lieviti, muffe, funghi e virus presenti nel corpo e fa defluire le tossine e le scorie fuori dal tratto intestinale e dal fegato.

Il consumo di sedano è il rimedio più efficace per alcalinizzare l’apparato  gastrointestinale; questo effetto si deve  in parte al fatto che il sedano (tecnicamente un’erba  non una verdura) ha un’alta concentrazione di sodio bioattivo. Come scrive Anthony William nel suo libro dedicato al succo di sedano, contiene anche oligoelementi cofattoriali che la scienza non ha ancora scoperto.

Si tratta di varietà di sodio per aumentare il pH dell’organismo ed eliminare acidi tossici da ogni interstizio del corpo, compreso l’intestino.

Al contempo il sedano apporta enzimi e coenzimi e alza i livelli di acido cloridrico nello stomaco in modo che il cibo venga digerito facilmente e non vada in putrefazione, aiutando così a prevenire una moltitudine di disturbi intestinali.

L’aggiunta di succo di sedano all’alimentazione è il rimedio migliore per risolvere la permeabilità all’ammoniaca, una malattia non ancora riconosciuta in cui il gas ammoniacale penetra nelle pareti intestinali causando problemi, come caduta dei denti e confusione mentale.

Il sedano può sembrare un cibo scialbo e noioso ma è tutto fuorché questo. Oltre ai benefici che ho già spiegato, migliora la funzionalità dei reni, aiuta a risanare le ghiandole surrenali, può persino calmare e avere effetti sugli schemi mentali;  grazie ai sali minerali favorisce l’attività degli impulsi elettrici e supporta le funzioni neuronali, il che lo rende un alimento imprescindibile se soffri di deficit di attenzione e iperattività, confusione mentale o perdita della memoria.

Quando pensi al sedano, pensa agli elettroliti: la sua profonda azione idratante a livello cellulare riduce il rischio di emicranie.

Malattie: 

Se hai una delle seguenti malattie introduci il succo di sedano nella tua vita.

Acne, disturbo da deficit di attenzione e iperattività, eczema, psoriasi, SLA, permeabilità dell’intestino, infertilità, malattia di Lyme, emicrania, disturbi ossessivo-compulsivi, malattia infiammatoria pelvica, disturbi e disfunzioni della tiroide, batterie scariche dell’apparato riproduttivo, diabete, ipoglicemia, affaticamento surrenale, ansia, infezioni delle vie urinarie, calcoli renali, calcoli biliari, cancro del pancreas, alla vescica, alla tiroide, pancreatite, steatosi epatica, sindrome da stanchezza cronica, fibromialgia, lupus, sindrome di Sjogren, morbo di Addison, acne rosacea, lipoma, cistite interstiziale, morbo di crohn, colite, sindrome del colon irritabile, mughetto, iperglicemia, ipertensione, depressione, apnea, vaginosi batterica, edema, lesioni, parassiti, infezione da lieviti, insonnia, esposizione alle muffe, infezioni batteriche e/o virali, permeabilità all’ammoniaca.

Sintomi: 

Se hai uno di questi sintomi prova ad introdurre il sedano nella tua vita. 

Spasmi intestinali, cisti, carenza di acido cloridrico, fegato pigro, cortisolo basso, cortisolo alto, confusione mentale, allergie alimentari, acidosi, ipotiroidismo, ipertiroidismo, vista appannata, dolori alle articolazioni, mal di testa, gonfiore, gas, pressione addominale, distensione addominale, disidratazione cronica, secchezza agli occhi, spalla congelata, reflusso gastrico, infiammazione alla cistifellea, allo stomaco, all’intestino tenue e/o al colon, eruzioni cutanee, nausea, pellicola bianca sulla lingua, sovrapproduzione di candida, ansia, perdita della memoria, pressione alta, intolleranze alimentari, gonfiore, infiammazioni, spasmi muscolari, crampi alle gambe, spossatezza, carenza di minerali, infiammazioni al cervello, disturbi del sonno.

Supporto emotivo

Tutti tendiamo a trattenere la paura nell’apparato gastrointestinale. Il nervosismo causa sensazioni che chiamiamo farfalle nello stomaco o crampi alla pancia, e l’ansia che scorre nel sistema nervoso centrale può arrivare fino all’intestino, creando un groviglio. il sedano risana l’intero apparato digerente: usalo per ottenere un effetto calmante quando sei spaventato, in preda al panico, scioccato, irritabile, nervoso, minacciato, insicuro, intimorito o sulla difensiva.

 

Insegnamento spirituale:

Troppo spesso ci complichiamo la vita più del necessario, oppure semplifichiamo problemi realmente complessi. Questo tira e molla si verifica in ogni ambito della nostra vita, specialmente nella salute. Nel primo approccio le persone formulano mille ipotesi per un problema di salute provano tutte le soluzioni possibili; in quello opposto lo sottovalutano, perché in effetti è dovuto a un’intricata interazione di molti fattori, per cui liquidano il problema come se il corpo stesse all’improvviso dando i numeri. 

Per arrivare a una vera guarigione dobbiamo trovare l’equilibrio tra semplicità e complessità e il sedano ci insegna a farlo. Bere succo di sedano, è il rimedio più semplice, ma spesso le persone lo scartano ritenendolo una soluzione troppo facile e quindi inefficace.

Se è vero che centrifugati misti possono essere molto Curativi non c’è niente che superi il potere del succo di sedano; un potere che porta guarigione, trasformazione profondi cambiamenti nella vita grazie la complessa composizione di sostanze nutritive in esso presenti.

 

Il miglior modo di assumere il sedano

Il miglior modo per assimilare tutte le potenti proprietà del sedano è assumerlo sotto forma di succo.

Si può ricavare facilmente il suo succo grazie ad un estrattore.

In un articolo precedente, descrivo nel dettaglio tutti i suoi meravigliosi benefici.

Quando assumerai il succo di sedano, qualcuno potrebbe dirti che alla fine è solo acqua!! Mi è capitato spesse volte!

È vero, il succo di sedano contiene quella che potremmo semplicisticamente chiamare acqua, ma non è l’acqua con cui ci laviamo, con la quale riempiamo una piscina, o uno stagno per i pesci.

Non è nemmeno l’acqua che esce da un tubo per innaffiare il giardino o dal rubinetto o che cade dal cielo sotto forma di pioggia.  In nessun fiume della terra scorre la stessa acqua del succo di sedano, perché questa è diversa.

Il succo di sedano è una bevanda viva che respira; la sua acqua contiene vita in modo particolare:

è acqua Bioattiva.

Il succo di sedano e la semplice acqua sono così diversi che non vanno mescolati. Ecco perché non bisogna diluire questo succo con acqua o aggiungervi cubetti di ghiaccio.

L’acqua normale inibisce i benefici del succo di sedano. Per lo stesso motivo sconsiglio di disidratare il sedano il succo di sedano per poi ricostruirlo con acqua..

Ecco perché, quando sentiamo dire che bere un bicchier d’acqua equivale a bere un bicchiere di succo di sedano, non dobbiamo crederci.

Il succo di sedano è un liquido benefico, un tonico strutturato che contiene la vita della pianta, la sua storia, la sua energia e le sue sostanze nutritive.

Il succo di sedano è intrinseco di informazioni e di dati. È ricchissimo di oligoelementi e di aggregati di sali di sodio, ma non è tutto. L’acqua Bioattiva del succo di sedano è organizzata in modo tale da tenere in sospensione questi nutrienti e composti fitochimici perché siano prodotti per essere distribuiti all’organismo.

Anche l’acqua contenuta nel sangue è diversa dall’acqua potabile che versiamo in un bicchiere. L’acqua del sangue è un elemento della nostra forza vitale. In quanto parte del sangue, non è più solo acqua e lo stesso vale per il succo di sedano. Dobbiamo considerare l’acqua contenuta nel succo di sedano come la forza vitale della pianta del sedano, così come il sangue è la nostra.

La forza vitale del succo di sedano si unisce alla nostra vitalità, al nostro sangue, e forma una cosa sola. Siccome siamo organismi viventi, consumare quest’acqua viva è più benefico che bere acqua normale. L’acqua Bioattiva del succo di sedano è la vita stessa.

Per poter portare il succo di sedano nelle tue giornate e inizare a sentirne i benefici,  segui i percorsi detossinanti. La sinergia del succo di sedano e la combinazione di alimenti benefici e vitali ti aiuteranno nel processo di pulizia e rigenerazione!

CLICCA QUI PER CONOSCERLI